14 Febbraio 2017

Le Costellazioni Familiari: un'immersione nei vari livelli di coscienza in cui ognuno di noi esiste

Posted in La memoria delle cellule

Le Costellazioni Familiari: un'immersione nei vari livelli di coscienza in cui ognuno di noi esiste

È molto difficile descrivere in parole quello che intendo con Costellazioni Familiari Multidimensionali, in quanto si tratta di un'esperienza, totale e profonda, un'immersione nei vari livelli di coscienza in cui ognuno di noi esiste.

Ho una formazione classica, come costellatrice familiare, ho frequentato la scuola di Bert Hellinger, e per tanti anni mi sono attenuta alla modalità che avevo imparato, ma dentro di me ho sempre sentito che mancava qualcosa, ancora non sapevo cosa.

 

Attraverso le Costellazioni Familiari Sistemiche si arriva con facilità a portare a coscienza, ovviamente in maniera graduale, i segreti, i non detti ed i traumi dei nostri antenati; questo processo di consapevolezza é fondamentale se vogliamo smettere di ripetere inconsciamente, per lealtà nei loro confronti, gli stessi schemi. Infatti fino a che ripeteremo gli stessi schemi otterremo gli stessi risultati.

Ma oltre il livello sistemico ce ne sono altri che hanno bisogno di essere esplorati e portati a coscienza.

Il livello successivo riguarda la nostra esperienza personale, dal momento del concepimento, per tutta la gravidanza, durante il parto e nella primissima infanzia.

Queste infatti sono le fasi in cui il nostro tessuto biologico si 'incide' di un programma (fatto di convinzioni sostenute da forti emozioni: paura, solitudine, rabbia, tristezza, rassegnazione, inadeguatezza, eccetera) che resterà attivo tutta la vita, o almeno fino a che non viene osservato e portato a coscienza.

Se, attraverso un lavoro con la memoria del corpo, non lasciamo andare emozioni congelate dentro di noi, queste formano come uno scudo percettivo che ci impedisce di vivere e vibrare nella realtà del momento presente.

Inoltre é proprio in questa precocissima fase della vita che sviluppiamo schemi comportamentali che in seguito chiameremo 'il nostro carattere'.

 Fotolia 94619185 Subscription Monthly M

Per fare un esempio se da piccola non ho potuto urlare il mio dolore e ribellarmi, se ho imparato a stare zitta e accontentarmi, questo sarà quello che tendenzialmente e in automatico, continuerò a fare, definendomi timida, remissiva, generosa o altro.

 

Ti capita di sentirti profondamente solo/a anche se hai una relazione, famiglia e amicizie?

Potrebbe esserci una relazione con quello che hai sperimentato, per esempio, al momento della nascita?

 

Immagina (per la verità sarebbe meglio dire ricorda) cosa hai provato una volta fuori dal corpo di tua madre, quando sei stato messo in un lettino, da solo, forse in una nursery?

Quanto hai pianto e ti sei disperato?

Quanto tempo è passato prima che tu ti rassegnassi e smettessi di chiedere?

Sto parlando di un'esperienza tanto diffusa e comune da essere considerata normale.

 

Ma quali segni, questa esperienza, lascia nel corpo e nel cuore di un bambino?

 

  • Non c'è nessuno per me
    Non vado bene, altrimenti mamma mi terrebbe con se
    Il mondo è un posto difficile
    È inutile chiedere, non mi ascolta nessuno
    Nessuno mi capisce, ho paura, mi sento solo, non so cosa mi succederà e mamma non mi vuole.

 

Quindi la prima fase della nostra esistenza va indagata accuratamente se vogliamo conoscere chi siamo e perché funzioniamo come funzioniamo.

 

Attraverso la memoria del corpo possiamo tornare ad ascoltare le nostre verità e ritrovare un contatto delicato e amorevole con il bimbo che siamo stati.

 

Ma ancora non basta...

 

  • Perché esisto?
  • Cos'è la morte?
  • Cosa succede dopo?
  • Che senso ha la vita se poi tutti dobbiamo morire?
  • Perché c'è tanto male nel modo?
  • Esiste Dio?
  • Siamo il frutto di un'evoluzione casuale?

 

Queste e molte altre domande, prima o poi, si affacciano alla mente di ognuno di noi, spesso l'incapacità di trovare risposte soddisfacenti ci porta a distrarci ed a cercare di vivere in modo superficiale, creando una vita che in realtà non ci 'basta'.

 

 

Abbiamo bisogno di senso, la nostra vita è troppo preziosa per essere sprecata, in fondo al cuore tutti lo sappiamo e, di conseguenza, ne cerchiamo il senso.

 

 

Così ci avviciniamo ad un altro livello di noi, poco conosciuto ed esplorato, che è quello spirituale, ma che, per la mia esperienza, è fondamentale per permetterci di vivere una vita piena, una vita senza paura.

 

Sono sempre più convinta che vivere una vita piena di Amore e Gioia sia un diritto di tutti, e non solo... credo anche che oggi questa possibilità sia alla portata di tutti.

il mio impegno nell'affinare continuamente questi strumenti, che chiamo Costellazioni Familiari Multidimensionali, è per me motivo di grande gioia; esplorare l'anima umana nelle sue più varie manifestazioni e mettermi al servizio di coloro che non si accontentano di una vita 'piccina' fa parte dello scopo di questa mia esperienza terrena.

Mi sento costantemente molto grata.

 

- Silvia Pallini


 

 

Iscriviti subito alla Newsletter di Silvia!
Please wait

Se vuoi approfondire con me questo argomento scrivimi.

Vai su latuavitapienamente logo
E scopri le pubblicazioni di Silvia, i corsi e tutti gli eventi.